CleanAir Technology: l'ultima innovazione Cisco che arricchisce la "Borderless Mobility Experience"

La nuova tecnologia risolve i problemi legati alle interferenze RF, rendendo le reti wireless ancora più affidabili


Milano, 28 aprile  2010 – Continuando la serie di annunci relativi all’architettura Borderless Network nelle aree sicurezza, accesso di rete e servizi, Cisco ha presentato nuovi prodotti, servizi di rete e supporto che permettono di creare uno spazio di lavoro totalmente mobile. Le soluzioni  Borderless Mobility di Cisco, che includono i nuovi Access Point della serie Cisco® Aironet® 3500 con integrata la tecnologia CleanAir, permettono alle aziende di fornire un’esperienza “mobile” completa, rendendo le informazioni accessibili da qualunque luogo e in qualsiasi momento.


Poiché sono sempre di più i dipendenti che utilizzano tecnologie mobile, la rete wireless deve  garantire le stesse prestazioni di qualsiasi altra rete. Secondo un recente studio condotto da Cisco su un campione di oltre 600 aziende americane, il 78% considera tutta la rete wireless o parte di essa fondamentale per le proprie attività aziendali. Tuttavia, lo stesso gruppo di intervistati ha identificato nelle interferenze wireless la principale causa dei problemi legati alla rete wireless in termini di prestazioni.  Cisco è in grado di risolvere le principali problematiche relative alle interferenze wireless grazie alla disponibilità della nuova tecnologia CleanAir, basata su ASIC (Application-Specific Integrated Circuit) dell’ access point combinata con un approccio a livello di sistema per identificare, classificare, localizzare e mitigare l’impatto delle interferenze wireless.


Unica nel suo genere, CleanAir è in grado di risolvere completamente il problema delle interferenze riscontrabili nella fruizione delle applicazioni mission-critical attraverso la rete wireless.


Aspetti principali dell’annuncio:

  • CleanAir rileva, classifica e localizza accuratamente oltre 20 fonti di interferenza inclusi i telefoni cordless, le videocamere wireless,  i forni a microonde e i dispositivi Bluetooth, continuando a gestire contemporaneamente il traffico client. Di seguito le principali caratteristiche:
    • Un intuitivo Air Quality Index permette una valutazione completa del livello di gravità delle interferenze che affliggono gli access point o un’area specifica;
    • la capacità di risoluzione e di ottimizzazione in automatico della rete wireless attraverso il miglioramento della gestione delle risorse radio che amplia l’affidabilità wireless senza l’intervento di un tecnico IT;
    • la correlazione dell’interferenza  attraverso i diversi  access points in modo da prevenire il ripetersi di  eventi provenienti dalla stessa fonte di interferenza ;
    • l’ASIC radio ClearAir specializzato per fornire visibilità dettagliata dello spettro senza impattare le prestazioni degli access point, che si differenzia dalle soluzioni basate su software che si basano su chipset Wi-Fi standard.
  • La tecnologia CleanAir è in grado di ridurre, da ore a minuti, il tempo di troubleshooting dei problemi del wireless e, nella maggior parte dei casi, il problema viene risolto automaticamente. CleanAir è in grado di mitigare l’impatto delle interferenze in meno di 30 secondi, valutando il problema e regolando il segnale wireless in modo da operare in un ambiente libero da interferenze.
  • Test indipendenti hanno mostrato che le soluzioni basate su software sono limitate e comportano: 1) un’accuratezza della classificazione solo nel 25% dei casi, 2) una classificazione inesatta nel 15% dei casi, e 3) il mancato rilevamento delle principali fonti di interferenza del 25% dei casi. A differenza delle soluzioni basate su software, L’ASIC radio avanzato CleanAir è progettato per fornire il 100% di visibilità dello spettro con un’analisi e diagnosi accurata dei problemi legati alle interferenze Wi-Fi e non.
  • Grazie alla localizzazione accurata delle interferenze rappresentate visivamente su di una mappa, CleanAir permette alle aziende di identificare e rimuovere rapidamente le fonti di interferenza.
  • Gli access point della serie Cisco Aironet 3500 con tecnologia CleanAir integrata sono gli unici dispositivi attualmente disponibili sul mercato ad offrire intelligenza  di spettro basata su hardware. La nuova versione 7.0 del software Cisco Unified Wireless Network include funzionalità CleanAir all’interno dei dispositivi Wireless Control System, del Mobility Service Engine Serie 3300 (MSE) e di tutti i Cisco Wireless Controllers.
  • Cisco fornisce inoltre nuovi miglioramenti e funzionalità che permettono alle aziende di evolvere in modo scalabile le proprie reti wireless e ridurre i costi operativi:
    • Oggi i Cisco 5500 Wireless Controller possono supportare fino a 500 access points (precedentemente erano 250).
    • Cisco amplia il proprio portfolio di soluzioni 802.11n con la disponibilità  degli access point della serie Cisco Aironet 1260, offrendo in questo modo prestazioni complete 802.11n con funzionalità Power over Ethernet per gli ambienti che non richiedono l’utilizzo della tecnologia CleanAir.
    • Cisco fornisce una nuova garanzia per gli access piont della serie Cisco Aironet 1140, 1250, 1260, e 3500 (sia per le versioni standalone che per quelle basate sui controller) che è valida retroattivamente per tutti gli access point 802.11n acquistati dopo il 27 gennaio 2010.

Prezzi e disponibilità:

  • La serie Cisco Aironet 3500 con tecnologia CleanAir integrata è disponibile da maggio 2010. I prezzi vanno da $1,095 a $1,495.
  • La serie Cisco Aironet 1260 (senza tecnologia CleanAir), con antenne esterne, prestazioni dual band e 802.11n con funzionalità Power over Ethernet, è disponibile da maggio 2010 ad un prezzo che parte da $995.

Dichiarazioni:

  • “Il notevole afflusso di dispositivi mobile sulle reti aziendali, l’utilizzo dirompente di applicazioni multimediali e video nonché la crescente esigenza da parte degli utenti di essere mobile fanno si che le aziende considerino le reti wireless come elemento mission-critical della propria infrastruttura di comunicazione”, ha commentato  Ray Smets, vice president e general manager della divisione Cisco Wireless Networking. “Anche le reti wireless, allo stesso modo di quelle wired, devono evolvere per indirizzare tali esigenze. Con l’introduzione della tecnologia  CleanAir, Cisco sta fornendo le basi affinché le aziende possano abilitare una vera e propria esperienza di Borderless Mobility.  Grazie all’architettura Borderless Networks, Cisco è l’unico vendor in grado di unificare le reti wired e wireless per fornire accesso trasparente alle applicazioni tramite qualsiasi tipo di connessione di rete”.
  • "Le interferenze sono una minaccia reale per qualsiasi rete wireless”, ha commentato Joe Rogers, network administrator della University of South Florida in Tampa, una dei più importanti centri di ricerca universitari con 40.000 studenti. "Grazie all’utilizzo degli access point Cisco 3500 con tecnologia CleanAir integrata, siamo in grado non solo di identificare il tipo di interferenza come ad esempio videocamere, forni a microonde, telefoni cordless e dispositivi  Bluetooth, ma anche di determinare con precisione la loro collocazione e di ottimizzare la nostra rete wireless. Implementeremo la tecnologia Cisco a partire dalle aule più grandi e successivamente all’interno della residenza universitaria  dove vivono 5.000 studenti che utilizzano ogni giorno differenti dispositivi wireless”.
  • “Telekom Austria utilizza nel proprio headquarter gli access point della serie  Cisco 3500 con tecnologia CleanAir integrata  per identificare le interferenze alla frequenza radio della propria LAN wireless”, ha commentato Michael Schulteis, Expert Group Collaboration in Business Products & Solutions di Telekom Austria. "Abbiamo individuato un certo numero di dispositivi che causano interferenza inclusi quelli Bluetooth e i forni microonde, e oggi possiamo localizzarli all’interno della mappa fornita dal Cisco Wireless Control System".
  • “Lo staff e gli studenti di Imperial stanno utilizzando sempre più applicazioni ad ampialarghezza di banda quando sono connessi alla rete wireless. Proprio per questo motivo è fondamentale per noi capire la reale portata RF in modo da ottimizzare il servizio che offriamo. I disturbi possono essere causati da qualunque dispositivo, e gli strumenti che ci possono aiutare a identificare le interferenze sono estremamente utili”, ha commentato  Matthew Balyuzi, Network Technology Analyst, Imperial College London.

Ulteriori risorse a supporto:

Video:

  • Isabelle Poncet, Borderless Network Technology Marketing Manager MED di Cisco, descrive le principali caratteristiche delle soluzioni Borderless Mobility:
  • Ray Smets, vice president and general manager, Wireless Networking business unit, Cisco, reviews major milestones for Cisco’s wireless business and how Cisco’s Borderless Mobility and new CleanAir technology fit into the company’s broader business strategy:
  • Marie Hattar, vice president, Borderless Networks, describes how Borderless Mobility and CleanAir tie into Cisco’s Borderless Networks vision and architecture:
  • Chris Kozup, senior manager, Mobility Solutions, Cisco, breaks down the CleanAir technology and its importance in delivering the Borderless Mobility experience:

Contattaci

  • Trova un Partner Cisco
  • Documentazione (italiano)
Condividi