Archivio 2013

Al Digital Government Summit Cisco lancia le parole chiave per la Pubblica Amministrazione del futuro

Hierarchical Navigation

Cultura digitale, interoperabilità e univocità le premesse per creare sistemi e processi in grado di realizzare un’agenda digitale che permetta al Paese di cogliere le opportunità di un mondo sempre più interconnesso.

LinkedInGoogle+
Condividi

Roma, 12 novembre 2013 - Partire da una profonda trasformazione culturale, adottare interoperabilità e standardizzazione, rendere univoca e uniforme la relazione di cittadini e imprese con tutti i processi e le applicazioni della Pubblica Amministrazione: queste secondo Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia, sono le parole chiave per l’Agenda Digitale del nostro Paese.

Santoni ne ha parlato oggi in occasione del Digital Government Summit, evento in corso fino a domani a Roma e organizzato da The Innovation Group per mettere a confronto tutti gli attori coinvolti nel percorso di attuazione dell’Agenda Digitale, in ottica di innovazione, sviluppo e democrazia.

“I numeri descrivono una realtà difficile: solo il 14% degli italiani usa effettivamente i servizi esistenti della pubblica amministrazione digitale, contro una media europea del 30%. I servizi non sono noti, sono complessi, funzionano in modo diverso e spesso incompleto, non “si parlano” e non si integrano. L’azione congiunta di Agenzia per l’Italia Digitale e della cabina di regia sta mettendo mano a questi elementi ma è essenziale che si proceda in parallelo ad una trasformazione culturale” ha detto Santoni. “ Chi rivede i processi amministrativi e operativi deve pensare al digitale come il primo strumento utile da sfruttare; chi lavora e interagisce con il cittadino deve dare priorità agli strumenti digitali, e comunicarne il valore; il cittadino deve essere a sua volta coinvolto nel cambiamento, come utente e come parte attiva”.

Guardando allo scenario generale, il mondo in cui viviamo sarà sempre più caratterizzato dalla connessione crescente di oggetti, persone, processi e dati. Nel porre le basi tecnologiche e operative dell’Agenda Digitale italiana, si deve quindi tenere conto delle specifiche sfide – ma anche delle grandi opportunità - che saranno portate da quello che Cisco definisce Internet of Everything, e rappresenta di fatto il “futuro prossimo digitale” per le imprese, l’amministrazione pubblica e la società. Secondo Santoni, i requisiti tecnologici della Rete nell’era dell’Internet of Everything prefigurano le caratteristiche che i sistemi della Pubblica Amministrazione a tendere devono realizzare.

“Si tratta di adottare architetture interoperabili, basate su standard aperti in grado di accogliere nuovi elementi; scegliere sistemi capaci di semplificare la governance di reti in un contesto sempre più complesso, garantendo in particolare la gestione sicura e la protezione dei dati; fornire soluzioni che permettano di collaborare e connettersi in modo efficace “al di sopra” di questa complessità, così da massimizzare i vantaggi della digitalizzazione”.

Santoni ha poi rimarcato la posizione centrale di Cisco come abilitatore tecnologico e strategico di questo nuovo scenario nel nostro Paese, sulla base di vent’anni di presenza in Italia: vent’anni in cui l’azienda ha costruito un rapporto di profonda partnership con la Pubblica Amministrazione italiana, dimostrando il proprio impegno attraverso l’investimento nel nostro sistema imprenditoriale , nella ricerca e sviluppo – con la creazione in Italia dei laboratori che oggi guidano lo sviluppo delle tecnologie per le reti ottiche Cisco a livello mondiale – e in tutte le opportunità fondamentali per la crescita del Paese, prima fra tutte Expo Milano 2015.

“Expo Milano 2015 è l’acceleratore di innovazione per eccellenza su cui oggi il nostro paese deve fare leva. Le modalità con cui questo evento, di cui siamo partner tecnologici, si sta trasformando in una piattaforma digitale duratura per l’offerta di servizi e di soluzioni - su cui le imprese locali e i migliori talenti del nostro paese possono innestare la loro capacità di innovazione - indicano un percorso di sviluppo che ci auguriamo possa replicarsi in mille altri modi grazie alla digitalizzazione del Paese” ha spiegato Santoni.

Le azioni avviate a livello centrale servono infatti a creare in modo uniforme le condizioni perché sui sistemi pubblici resi interoperabili, sui Data Center consolidati e aperti della pubblica amministrazione , sul cloud si possa sostenere l’ innovazione locale e “distribuita” del nostro tessuto sociale e imprenditoriale.

Da questo punto di vista, Expo Milano 2015 rappresenta anche un esempio efficace di un approccio che affida la digitalizzazione alla collaborazione di tutti gli attori economici e istituzionali presenti su un territorio.

“E’ la forza della collaborazione fra pubblico e privato, che abbiamo visto all’opera nei tanti progetti di cui siamo parte per trasformare città, regioni e a volte interi paesi in comunità intelligenti e interconnesse” ha detto Santoni. “Da Nizza a Barcellona, per restare nei nostri dintorni, le amministrazioni locali uniscono le forze con un vasto insieme di partner – e soprattutto con tante realtà locali che capiscono e sviluppano servizi e innovazione nel quadro delle iniziative promosse a livello pubblico. Anche le comunità intelligenti sono un tassello importante della nostra Agenda Digitale, destinato a diventare il veicolo principale dell’esperienza dei vantaggi del digitale per i cittadini: noi partecipiamo ad Expo proprio con l’obiettivo di farne un grande catalizzatore di consapevolezza sulle potenzialità del digitale, capace di stimolare una domanda forte di evoluzione del paese e delle sue infrastrutture”.

Segui Cisco Italia su:


Cisco

Cisco (NASDAQ: CSCO) è il leader mondiale del settore IT che aiuta le aziende a cogliere le incredibili opportunità offerte dal futuro, connettendo ciò che prima non era connesso. Per ulteriori informazioni visitare il sito: www.cisco.com

Ufficio Stampa

Cisco
Cristina Marcolin
Giulia Quaglieri
Tel: 800 787 854
email: pressit@external.cisco.com

Prima Pagina Comunicazione
Marzia Acerbi
Valentina Ghigna
Tel: 02/91339811
email: ciscocorporate@primapagina.it

Contattaci

  • Trova un Partner Cisco
  • Documentazione (italiano)
Condividi