Archivio 2006

I Service Provider di tutto il mondo guidano l?adozione di servizi video/IPTV grazie all?architettura Cisco IP NGN

I Service Provider di tutto il mondo guidano l’adozione di servizi video/IPTV grazie all’architettura Cisco IP NGN

L’architettura Cisco IP NGN, aperta e altamente scalabile, alla base delle principali implementazioni in ambito IPTV

Cisco Systems conferma la propria leadership nel mercato dei service provider di tutto il mondo relativamente alla distribuzione di servizi video/IPTV tramite l’architettura IP NGN (IP Next Generation Network).

Cisco Systems detiene una profonda esperienza nel networking video/IPTV, con piattaforme e tecnologie che permettono di supportare milioni di abbonati in modo semplice e veloce e con un TCO (total cost of ownership) minimo. L’approccio Cisco permette ai provider di migliorare l’esperienza degli abbonati nella fruizione dei servizi e di ampliare il fatturato medio per abbonato (ARPU), offrendo numerose opzioni di visualizzazione, maggiore sicurezza e affidabilità senza precedenti. Tutto ciò si basa su un controllo maggiore del servizio, intelligenza nel livello di aggregazione e scalabilità a livello core della rete. L’architettura Cisco IP NGN fornisce ai provider un’architettura aperta per la differenziazione del servizio, permettendo loro di distribuire, oltre a servizi video/IPTV, anche un’ampia gamma di servizi multimediali integrati in ambito home.

“Cisco Systems mette a disposizione dei service provider la propria esperienza nella distribuzione di servizi video/IPTV ad elevato contenuto multimediale e basati su IP attraverso un’ampia gamma di soluzioni tecnologiche”, ha commentato Mark Bieberich, Director, Communications Network Infrastructure di Yankee Group. “Indirizzando le principali sfide nell’ambito delle reti IP carrier e del segmento home, nonché combinando le offerte di provata qualità in ambito routing, gestione della banda larga e controllo del servizio, Cisco IP NGN offre ai service provider le soluzioni richieste per garantire all’utente finale un’esperienza di elevata qualità”.

I requisiti delle applicazioni video/IPTV variano a seconda se il servizio è un’applicazione video gestita come ad esempio il broadcast IPTV, o un servizio interattivo di comunicazione come la video conferenza o applicazioni di rilevamento e gestione dei contenuti di terze parti. Cisco Systems offre un approccio aperto e basato sugli standard per l’implementazione di servizi video/IPTV con diversi middleware di terze parti, piattaforme gestite, dispositivi per l’accesso controllato, server video e set-top box IP.

“La leadership detenuta da Cisco nelle implementazioni video su IP è da attribuire al continuo impegno dimostrato nel permettere ai service provider di accrescere il numero di abbonati e il fatturato”, ha commentato Mike Volpi, Vice President e General Manager of Routing and Service Provider Technology. “Abbiamo fatto tutto ciò abilitando tre livelli di convergenza – convergenza di rete che permette ai service provider di risparmiare, convergenza del servizio che permette di unificare la rete e le applicazioni, e convergenza applicativa che permette di ampliare le opportunità di guadagno. Solo le reti IP di prossima generazione, che integrano tutti e tre questi aspetti, possono realmente favorire l’adozione di servizi avanzati, inclusi quelli video”.

Cisco continua a fornire innovazione alla propria visione IP NGN attraverso numerose soluzioni video/IPTV e a importanti traguardi raggiunti:

Convergenza di rete
Per quanto riguarda il livello di convergenza di una rete IP NGN, le implementazioni Cisco in ambito video/IPTV forniscono potenti collegamenti tra la rete, i middleware e le applicazioni video/IPTV grazie all’utilizzo del Cisco Carrier Rputing System (CRS-1), i router della famiglia XR 12000 e 7600, la famiglia di switch Catalyst e i dispositivi per il networking ottico che includono la piattaforma multiservizio Cisco ONS 15454 per il provisioning e il trasporto (MSPP/MSTP) e la piattaforma multiservizio Cisco ONS 15600 per lo switching (MSSP).

È stata inoltre annunciata la disponibilità dell’adattatore a 8 porte SPA (shared port adapter) Gigabit Ethernet (GE) per il CRS-1, fornendo in questo modo la più elevata densità di porta GE abilitata alla QoS. Oggi, il CRS-1 permette di supportare fino a 768 porte per rack e fino a 55.296 porte per sistema. Con integrata la funzionalità di aggregazione Ethernet ad elevata densità e di multicast multistage, il CRS-1 è progettato per connettere super terminali, terminali video e VSO (video serving office) nelle reti nazionali e metro.

I recenti ampliamenti apportati ai router della serie Cisco 7600, ideali per le applicazioni video distribuite e di aggregazione nelle reti nazionali e metro, confermano la collaborazione costante tra Cisco e i service provider per creare servizi video/IPTV scalabili. Tali servizi includono:

  • ottimizzazione dell’utilizzo della rete grazie a Dynamic Multicast – riduce al minimo le esigenze di larghezza di banda per un ampio numero di canali televisivi live;
  • riduzione del TCO grazie all’Asymmetric Networking ottimizzato per il video/IPTV – permette ai provider di implementare solo la larghezza di banda necessaria in ogni direzione per supportare i servizi video;
  • sicurezza completa grazie all’SSM (Source Specific Multicast) – progettato per prevenire attacchi DDoS (distributed denial of service);
  • attività video di tipo carrier grazie a Broadcast Source Redundancy – permette la condivisione del carico tra le fonti di trasmissione televisiva con un failover dinamico.

Convergenza del servizio
Per quanto riguarda il livello di convergenza del servizio di una rete IP NGN, Cisco continua a migliorare la QoE (quolity-of-experience) dell’utente finale grazie all’intelligenza di controllo del servizio offerto dal Service Exchange Framework (SEF). Il framework aperto SEF permette l’integrazione dei diversi livelli e applicazioni di rete con i middleware di terze parti, piattaforme headend, dispositivi per l’accesso controllato, server video e set-top box IP.

  • Controllo intelligente del servizio e della larghezza di banda grazie al CiscoBoadband Policy Manager – fornisce accesso universale e automatizza le attività di controllo delle policy. Tale piattaforma aperta è perfettamente integrabile con le reti OSS/BSS e di terze parti;
  • protezione della la QoE (quality of experience) grazie al Video Admission Control presente nei router della Serie Cisco 7600 – mantiene una QoE di elevata qualità nelle reti con abbonati in eccesso, determinando in modo dinamico il momento in cui le risorse della rete sono in grado di supportare una sessione video;
  • rilevamento e gestione di contenuti video di terze parti autorizzati e non, su una rete a banda larga – ispezione completa dei pacchetti e classificazione delle applicazioni grazie al Cisco Service Control Engine che permette ai service provider di offrire servizi multi-tiered indipendentemente dalle applicazioni o dagli abbonati a cui vengono distribuiti;
  • virtualizzazione dei contenuti – il Cisco Call Session Control Platform (CSCP) permette ai fornitori di banda larga di offrire un’ampia gamma di soft client video e telefoni abilitati al protocollo SIP (session initiation protocol) per servizi come l’instant messaging video.

Convergenza applicativa
Per quanto riguarda il livello di convergenza applicativa di una rete IP NGN, Linksys®, divisione di Cisco Systems, offre numerosi benefici alle così dette “connected home” coprendo quattro aree principali: l’intrattenimento in rete, il networking base, comunicazione e sicurezza/controllo. Il concetto connected home rappresenta la grande opportunità di sfruttare la tecnologia gateway con le tecnologie di accesso cable, wireline o wireless., ampliando allo stesso tempo il mercato totale indirizzabile dai provider. L’offerta IP NGN di Linksys continua ad espandersi con:

  • accordo per l’acquisizione di KiSS Technology, principale fornitore di tecnologia per i dispositivi di intrattenimento in rete, la cui offerta include prodotti per l’home video come lettori e masterizzatori DVD in rete.

Le implementazioni di successo

- SOFTBANK BB Corporation (Giappone) – ha espanso la propria architettura IP NGN per consentire un’espansione a livello nazionale dei servizi video avanzati inclusa la trasmissione dei programmi a banda larga e servizi VOD (video-on-demand). Tale espansione sarà conclusa a ottobre.
- Video Network Limited (Inghilterra) – ha implementato una rete IP NGN per velocizzare l’implementazione dei propri servizi voce, video e Internet (triple play) HomeChoice attraverso una rete a banda larga DSL (digital subscriber line). Estendendo la portata dei servizi HomeChoice, Video Networks Limited amplierà il numero di utenti home serviti da 2,4 milioni a 10 milioni entro il 2010.
- Neuf Telecom (Francia) – ha utilizzato la tecnologia Cisco per l’estensione ed espansione della propria rete per supportare il più ambizioso programma di unbundling del local loop e semplificare la distribuzione di servizi triple-play su ADSL ai clienti residenziali. Nel novembre 2004, la società ha lanciato neuf TV, un servizio televisivo su DSL di qualità digitale offrendo agli utenti oltre 70 canali. Il carrier conta un totale di 700.000 utenti ADSL.
- Telewest (Inghilterra) – per distribuire servizi televisivi on-demand a oltre 1 milione di clienti entro il 2006, Telewes ha fatto convergere quattro reti voce, video, broadband e dati su una singola piattaforma utilizzando l’architettura Cisco IP NGN.
- SureWest Communications (USA) – ha ampliato i servizi video/IPTV distribuiti su una rete FTTH (fiber-to-the-home) grazie all’architettura IP NGN. Attualmente SureWest Communications offre ai propri abbonati oltre 250 canali video e musicali, con opzioni da 10 e 20 mbps (megabit-per-second) per i servizi Internet e voce.
- China TieTong (conosciuta come China Railcom) – con oltre 1,2 milioni di utenti broadband a giugno 2005, China TieTong sta estendendo la propria offerta di servizi voce, video e dati (triple play) a 250 città (prima le città servite erano 129) grazie all’architettura IP NGN.


Contattaci

  • Trova un Partner Cisco
  • Documentazione (italiano)
Condividi