In arrivo la “seconda ondata” per l’adozione del cloud 

Hierarchical Navigation

LinkedInGoogle+
Condividi
  • Secondo una ricerca sponsorizzata da Cisco, il 53% delle aziende si attendono maggiori ricavi nei prossimi due anni grazie al cloud, e il 44% sta già usando o prevede di implementare soluzioni Private Cloud
  • Cisco presenta strumenti dedicati alle aziende per capire quanto possono salire i ricavi e scendere i costi ampliando il proprio utilizzo del cloud

Vimercate (MB) – 26 agosto 2015.  Secondo i risultati di uno studio condotto su scala mondiale, resi noti oggi da Cisco, è in arrivo la “seconda ondata” per l’adozione del cloud: le aziende non lo considerano più solo uno strumento di efficienza e riduzione dei costi, bensì una piattaforma per alimentare innovazione, crescita e disruption.  Il 53% delle imprese si attende maggiori ricavi grazie al cloud nei prossimi due anni; si tratta però di una sfida molto complessa, perché solo l’1% di esse ha una strategia di adozione del cloud ottimizzata e il 32% non ha alcuna strategia al riguardo.

Lo studio sponsorizzato da Cisco è l’InfoBrief “Don’t Get Left Behind: The Business Benefits of Achieving Greater Cloud Adoption” realizzato da IDC sulla base di ricerche di mercato primarie condotte coinvolgendo in 17 paesi del mondo 3.400 decisori IT di aziende che stanno utilizzando con successo cloud privato, pubblico e ibrido.

Nick Earle, Senior Vice President, Global Cloud and Managed Services Sales, Cisco spiega:
Quando incontriamo clienti interessati ad approcciare la seconda ondata del cloud, vediamo che sono molto più indirizzati su cloud privato e ibrido – principalmente perché si rendono conto che questo tipo di soluzioni danno la sicurezza, le performance, il costo, il controllo e la protezione dei dati di cui hanno bisogno. Questo dato, che ci ha spinto a sviluppare un’offerta di infrastrutture per il cloud privato, ibrido e soluzioni as-a-service, si riflette nel nuovo studio IDC: il 44% delle aziende sta già usando o prevedono di adottare il private cloud, e il 64% di chi già utilizza il cloud sta valutando le opportunità dell’hybrid cloud”.

Nella sua ricerca, IDC identifica cinque livelli di maturità rispetto all’adozione del cloud: si può avere un’adozione ad hoc, opportunistica, ripetibile, gestita o ottimizzata. Le aziende che passano dal livello di maturità più basso, l’adozione ad hoc, al livello più alto dell’adozione ottimizzata ottengono risultati molto significativi: i ricavi crescono del 10,4%, i costi IT si riducono del 77%, il tempo di provisioning per servizi e applicazioni IT si riduce del 99%, i reparti IT migliorano del 72% la loro capacità di rispettare gli SLA e raddoppiano la loro capacità di investire in nuovi progetti volti all’innovazione.

I vantaggi economici per le organizzazioni che adottano il cloud in modo evoluto

Lo studio ha anche quantificato i vantaggi economici per le aziende più mature* in termini di adozione del cloud. Le imprese analizzate stanno ottenendo in media 1,6 milioni di dollari in più di ricavi per ogni applicazione realizzata su cloud privato o pubblico; inoltre, per ogni applicazione che è realizzata in cloud, riducono i costi di 1,2 milioni di dollari.

I maggiori ricavi provengono in larga parte dalla vendita di nuovi prodotti e servizi, dall’acquisizione di nuovi clienti o dall’ingresso in nuovi mercati. Le aziende prese in considerazione nello studio hanno potuto attribuire questi guadagni alla maggiore capacità di innovazione ottenuta dedicando più risorse IT a iniziative nuove e più strategiche rispetto alle tradizionali attività di manutenzione dei sistemi.

La riduzione dei costi operativi associata all’adozione del cloud si genera all’ impatto positivo della possibilità di agire in un ambiente più scalabile, affidabile e performante : maggiore agilità, più produttività dei dipendenti, riduzione dei rischi, risparmi su costi di infrastruttura, vantaggi legati all’adozione di tecnologie open source. 

Paesi e mercati: livelli di adozione del cloud

Lo studio ha valutato la percentuale di aziende che hanno un livello di adozione del cloud “maturo” nei vari paesi presi in considerazione: USA e regione America Latina sono le aree in cui si ha la maggiore percentuale di imprese che hanno strategie cloud di livello ripetibile, gestito o ottimizzato – rispettivamente con il 34% e il 29%. In Europa, il paese che ha la maggiore maturità cloud è il Regno Unito (27%) seguito dalla Germania (21%).  Fanalino di coda della classifica il Giappone, con solo il 9%.**

Rispetto ai mercati, il settore manifatturiero ha la più alta percentuale di aziende posizionate in uno dei tre livelli di adozione più elevati (33%), seguito dall’IT (30%), dal settore finanziario (29%) e dal settore sanitario (28%). I livelli di adozione inferiori si registrano nel settore pubblico e educativo e nei servizi professionali (22%) e nel commercio all’ingrosso o dettaglio (20%). 

Nuovi strumenti per “maturare” con il cloud: Cisco Business Cloud Advisor Adoption Report, Tool e Workshop

A partire dalla ricerca di mercato primaria e neutrale condotta da IDC, Cisco ha sviluppato strumenti per aiutare i clienti a “tradurre” i risultati di questo studio in report personalizzati. 

Come punto di partenza, uno strumento “Adoption Report” consente di determinare tramite un questionario strutturato il proprio livello di maturità nell’adozione del cloud e i relativi vantaggi, rispetto ad aziende di settore, dimensione e collocazione geografica simile alla propria. Il tool e altre informazioni è disponibile online su: cisco.com/go/bca.

C’è poi Cisco® Business Cloud Advisor, previsto in due diverse forme: come strumento semplificato (Adoption Tool), basato su un questionario, oppure come workshop più approfondito. Con questi strumenti, Cisco e i suoi partner di canale qualificati possono analizzare in modo più approfondito la maturità cloud delle aziende. Il workshop di mezza giornata consente poi di misurare meglio l’impatto potenziale dell’adozione del cloud sulle organizzazioni IT, secondo un’ampia serie di KPI.  I contenuti del workshop prevedono indicazioni, rigorosamente neutrali rispetto a fornitori di soluzioni o servizi, su come proseguire nel viaggio verso il cloud nei più vari domini, incluso l’Intercloud,.
In questo periodo, Cisco sta rendendo questi strumenti disponibili via via nei vari paesi, su scala mondiale.

Robert Mahowald VP, SaaS & Cloud SW di IDC commenta: “Molti studi di IDC hanno dimostrato che le aziende con una adozione evoluta del cloud hanno migliori risultati: performance più solide, migliore fatturato, migliore allocazione strategica delle risorse IT, maggiore flessibilità, costi ridotti, livelli di servizio più elevati. Questi vantaggi si assommano fra loro man mano che aumenta l’utilizzo del cloud. La gran parte delle aziende, però, non ha fatto molta strada sul percorso verso il cloud e devono capire quali competenze, metodologie, best practice servono loro per salire di livello. Cisco Business Cloud Advisor Adoption Tool può essere utile per stabilire la propria maturità nella capacità di costruire topologie hybrid cloud efficaci e aiutarle ad avanzare nell’adozione del cloud e ricavarne i vantaggi possibili”. 

*Il termine mature si riferisce ad aziende che sono negli stadi di adozione del cloud ripetibile, gestito e ottimizzato

** Lo studio ha evidenziato che in Cina il 55& delle imprese hanno strategie cloud ripetibili, gestite o ottimizzate ma le aziende cinesi intervistate erano in media più grandi di quelle coinvolte nello studio in altri paesi.

Ulteriori informazioni:
Cisco Business Cloud Advisor: http://www.cisco.com/go/bca
Video: https://youtu.be/4G5naD7qiCE
iView: http://www.cloudbusinessoutcomes.com/


Per rimanere aggiornato sulle comunicazioni Cisco per la stampa segui il Canale Cisco PR Italy https://twitter.com/CiscoPRitaly

RSS Feed Cisco: http://newsroom.cisco.com/dlls/rss.html

Segui Cisco Italia su:


Cisco

Cisco (NASDAQ: CSCO) è il leader mondiale del settore IT che aiuta le aziende a cogliere le incredibili opportunità offerte dal futuro, connettendo ciò che prima non era connesso. Per ulteriori informazioni visita il sito http://thenetwork.cisco.com.

Ufficio Stampa

Cisco
Marianna Ferrigno, Giulia Quaglieri
Tel: 800 787 854
email: pressit@external.cisco.com

Prima Pagina Comunicazione
Viviana Viviani, Valentina Ghigna
Tel: 02/91339811
email: ciscocorporate@primapagina.it

 

Contattaci

  • Trova un Partner Cisco

Seguici